Traduci

itenderuestr

In Memoria di Ilario

 

Viaggiatore, se un giorno sul tuo cammino incontrerai una statua circondata
da fuochi e un libro ai suoi piedi, fermati solo per un attimo e riporta alla tua mente
i ricordi, perchè è di essi che l'uomo vive ed è grazie ad essi che sarà immortale.

 

IN RICORDO DI ILARIO SIRIGU
02/02/2003

In una comunità come la nostra, piccola ma significativa, dove molti giocatori si immergono e vivono una seconda esistenza con il loro alter ego virtuale, dobbiamo fermarci a riflettere. Personalmente non siamo mai stati nemmeno sfiorati dall’idea che una cosa del genere potesse accadere, ma il nostro compito all’interno di Demons And Wizards è forse il più adatto a dare un addio formale al caro amico Ilario. Per un momento, di fronte a questa tragica notizia, tutti noi abbiamo abbandonato le discussioni quotidiane e ci siamo uniti assieme per onorare quello che è stato per molti di noi molto più che un semplice compagno di giochi. Un giovane amico, che era prima di tutto un ragazzo pieno di vita con ancora molto da dare, ci ha lasciati per una brutta malattia, una patologia grave che al giorno d’oggi può ancora nuocere, la meningite. Una volta venuti a conoscenza della notizia tutti i co-giocatori/amici/conoscenti hanno espresso molto tristemente le loro condoglianze, alcuni profondamente disperati, altri stranamente increduli, ed è con immenso dolore che noi ci siamo presi la responsabilità di scrivere qualcosa di formale per non dimenticare. Non deve certo sembrare un atto di buonismo, sono solo poche righe alla memoria dei legami che ci sono e ci saranno tra Ilario e la nostra comunità, che giustamente deve e dovrà in tutti i modi ricordare questo triste avvenimento e commemorare un amico che non meritava certo un così tragico destino. Ed è questo l’importante, non dimenticare, ma stanne certo Ilario, noi non ti dimenticheremo mai.
Parlando sicuramente a nome di tutti, le nostre più sentite condoglianze.
Filippo, Luigi, Francesco

 

Tratto dalla "Storia antica di Sosaria" del Britannia Times